LIRETA A chi viene dal mare

Teatro Contemporaneo

Albania.
C'è una donna, Lireta si chiama. C'è una donna che guarda oltremare cercando un brandello d'Italia, anche solo una luce. Una luce di Puglia che illumina i sogni di là, nella terra dell'alba.
C'è un gommone che parte e la donna si sta in mezzo agli altri sul mare, cercando d'Italia e di luci.
Tra le braccia ha una bimba che, neanche tre mesi di vita e si trova sull'onda, nel nero di un cielo senza luna.
L'hanno detto alla donna, alla bimba e a tutti gli altri lì sul gommone: “Se arriva la guardia costiera d'Italia buttatevi in acqua!” L'hanno detto anche all'uomo, compagno alla donna che si sta anche lui sul gommone.
Ogni onda che arriva, il mare s'ingrossa più ancora. E più forte è il terrore di perdersi la bambina dalle mani. Ogni volo sull'onda, precede uno schianto sull'acqua arrabbiata e ogni schianto è un ricordo.
Ricordo di un padre con l'alcool e la mano facile, un padre che serra i figli sotto chiave mentre picchia la moglie. Ma Lireta non cede. Ogni volta, disperata, tenta una difesa di quella madre così remissiva, una difesa qualunque gridando, sbattendo, ma senza risposta.
Ricordo di un matrimonio con chissà chi, matrimonio combinato tra famiglie, senza che lei possa dire parola. Ma Lireta non cede. Rifiuta. Tutto rifiuta: l'uomo, il matrimonio, e anche la famiglia.
Ricordo di un fuga da casa e di un innamoramento, "che io" le diceva lui "se mi ami ti porto in Italia".
Ricordo di una casa vicino al mare, ancora una volta serrata a chiave aspettando che la portassero, insieme alle altre, sulle strade d'Italia, "che io se mi ami ti porto in Italia", dicevano anche gli aguzzini delle altre. Ma Lireta non cede. E scappa. Ma uno di loro, un aguzzino, la insegue per giorni, la prende, la guarda negli occhi e le dice "ti amo": anche lui, come l’altro, le dice “ti amo”. E nasce una bimba.
Ricordo di quando con lui e con la bimba in braccio, decidono di prendere quel gommone che adesso aggredisce le vette del mare, enormi, ringhianti, che ogni volta che sei sulla cima butti l'occhio lontano sperando una luce di Puglia. E Lireta non cede e si serra più forte la bimba sul petto.
Ricordo di un volo, a qualche metro dalla costa del Salento, un volo verso l'acqua spinti giù dal Caronte che guida il gommone.
Ed è qui che tutto si sospende: vola Lireta, vola il compagno e vola la bimba di soli tre mesi e un’intera esistenza passa davanti agli occhi, in quel tempo infinito passato per aria - sospesi - prima del contatto con quel mare che è morte, che è vita nuova…

25Nov

Nuova Produzione 2016/2017

Permàr / La Piccionaia / dueL

un progetto di Mario Perrotta

dal diario di Lireta Katiaj
e altri milioni di diari mai scritti

drammaturgia e regia Mario Perrotta
con 
Paola Roscioli
musicisti Uliano Fabio Grasselli e secondo musicista in definizione
aiuto regia Alessandro Migliucci
luci Eva Bruno
suoni Mirco Mora
costumi Sabrina Beretta

Permesso Siae

Dettaglio date

Data luogo indirizzo orario durata
25 NovCASALGRANDE (RE) > Teatro De Andre'Piazza Roberto Ruffilli, 1Orario: 21.00 Durata: 70min

Rassegna stampa