COME SE IN ACQUA STATA NON FOSSE

La Grande Guerra

Il ritorno degli abitanti di Cismon e la Madonna profuga.

Nel giugno del 1919 gli abitanti di Cismon fecero ritorno al loro paese.
Se ne erano andati più di un anno e mezzo prima, in fuga dalla guerra che, dopo la disfatta di Caporetto, si avvicinava rapidamente alla loro valle.
Prima di partire chiesero di portare con sé la statua della Madonna del Pedancino, un’immagine miracolosa che da secoli proteggeva il paese.
Il popolo di Cismon fu fatto salire su due treni e inviato in Sicilia, per la maggior parte a Giarre, dove, malgrado i disagi e le ristrettezze, si cercò di preservare lo spirito della comunità.
Nella confusione di quei giorni, però, la statua della Madonna andò perduta, per esser poi fortunosamente ritrovata in un deposito ferroviario e inviata a Giarre solo due mesi dopo.
La sacra immagine non era nuova a queste avventure, fin dalla sua miracolosa apparizione, nell’ottavo secolo, sulle rive del torrente Cismon.
Ci fu poi la disastrosa alluvione del 1748, quando gran parte delle case della valle vennero distrutte dalla furia dell’acqua e la Madonna, strappata dal suo altare, fu trasportata fino alla Friola di Pozzolenoe, dove venne ritrovata intatta.
In Sicilia, a Giarre, la statua ebbe un altare nella chiesa di un convento e il suo culto, attorno al quale si radunava la comunità dispersa dei cismonesi, si estese anche alle popolazioni locali.
Tornò infine coi suoi fedeli a Cismon, la Madonna profuga.
Ma ad attenderli trovarono un paese distrutto, non più dall’acqua, questa volta, ma dalla guerra. Case demolite o comunque inabitabili, strade invase dalle macerie, boschi abbattuti. Gli abitanti si rifugiarono in baracche e con loro la Madonna, su di un altare di fortuna, fino alla ricostruzione e al ritorno alla normalità.
Il racconto narra la storia di una comunità, stretta attraverso i secoli attorno ad un simbolo religioso, e ai riti della devozione popolare, fatta di canti, preghiere, processioni, ma anche di piccoli gesti di affetto e di dedizione. In un rapporto biunivoco di amore, di cura e di protezione.
Il racconto si costruisce attraverso narrazione, documenti, canti e immagini, con il coinvolgimento di una banda e di un gruppo di figuranti appartenenti alle comunità locali.
I videofondali animano la facciata della chiesa di Cismon, mentre sul sagrato narrazione, documenti storici e canti della tradizione popolare danno vita a questo affresco corale sulla storia del paese e della sua Signora.

con Paola Rossi, Carlo Presotto, Trio Canti Sognanti e
Ensemble vocale Cantagaia diretti da Catherine Robin
con la partecipazione della Banda Folk Castello Tesino e i figuranti di Lamon
videofondali Carlo Presotto
luci, fonica e proiezioni Chicco Bognolo
consulenza storica e iconografica Daniela Caenaro e
Angelo Chemin
co-produzione La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale / Bassano Opera Festival