News

LA BATTAGLIA DEI PEDALI. Gino Bartali un ragazzo controvento partecipa a M'ILLUMINO DI MENO

Teatro Ragazzi

LA BATTAGLIA DEI PEDALI Gino Bartali un ragazzo controvento

19 FEBBRAIO 2016 ORE 18.00 SALONE ZAVATTERI VICENZA

Tutto ha inizio in un piccolissimo paese sulle colline toscane.
Una chiesa, un’osteria, una bottega di ciclista, un barbiere senza pretese, un mulino. Lì, i  Bartali li conoscono  tutti.  Gino. Magro, occhi azzurri e una montagna  di riccioli neri. Torello e Giulia, il papà e la mamma.
Poi, le sorelle Anita e Natalina. E infine Giulio, il  più piccolo. I Bartali stanno  in una casa popolare: due stanze  come quelle di Geppetto e Pinocchio: “Una seggiola cattiva, un letto poco buono e un tavolino tutto rovinato.” Niente luce, e  niente acqua corrente. Il piccolo Gino corre, sempre! Su e giù per  salite,  campi,  prati e uliveti, tra  lunghi corridoi di panni stesi profumati  di alloro. Ma  a Gino, più di tutto, piace quella meravigliosa opera dell’ingegno umano che lui in sogno, ogni notte, cavalca come se fosse uno stallone selvaggio... la bicicletta!

Note di regia: Gino Bartali nel settembre del 2013 è stato riconosciuto come "Giusto tra le Nazioni” per il suo impegno come corriere durante l'occupazione tedesca: il ciclista nascondendo  documenti falsi per gli ebrei nella canna e nel sellino della sua bicicletta, salva ottocento persone dalla deportazione nei lager. Tre giovani attori  raccontano in modo ironico, poetico e a volte commovente i sogni e le imprese di "Ginettaccio" che incantò l'Italia con la sua bicicletta e le sue meravigliose imprese. Una vita, fin da bambino, disseminata da salite, scelte difficili e vittorie conquistate con grande fatica, vissuta attraversando guerra e pericoli. Rischiando la propria vita in nome dell’umanità.

La vita di un uomo che visse controvento, tenendo segrete fino alla morte le sue imprese più grandi; un invito alla fatica e al coraggio per le nuove generazioni.

 
La Piccionaia-Fabbricateatro è un  progetto di formazione sul lavoro dell’attore ed è rivolto ai giovani. Un luogo  fisico e progettuale dove i ragazzi possono  trovare cultura, innovazione e artisti ad alto livello con cui confrontare  i propri orizzonti. Si sviluppa all’interno della Compagnia La Piccionaia e  ha tra i suoi principali obiettivi la ricerca di linguaggi teatrali contemporanei e l’inserimento lavorativo dei giovani attori che vi aderiscono. Il gruppo Fabbricateatro nella scorsa stagione si è distinto in eventi Nazionali quali il Premio Gaber per le nuove generazioni di Grosseto e i Piccoli Palcoscenici di Venezia. E’ nato nel 20013. La Direzione Artistica è di Ketti Grunchi, in sinergia con il Teatro Astra di Vicenza e la sua programmazione.

drammaturgia e regia Ketti Grunchi
con Aurora Candelli, Francesca Bellini e Julio Escamilla
scenografia e luci Yurji  Pevere Foto di Delfina Pevere